Andrea Tj Vannini

Manifesto populista per i sognatori, con amore.

In Futuro on 26 maggio 2014 at 7:27 pm

Cittadini, uscite dai vostri salotti,

aprite le vostre finestre, aprite le vostre porte,

siete stati ritirati troppo a lungo

nei vostri mondi chiusi.

Scendete, scendete

Dalle vostre Fiesole e dalle vostre Settignano,

Dalle vostre Bellosguardo e dalle vostre colline di Firenze sud,

dalle vostre Marignolle e dalle case torri dell’Oltrarno,

giù dalle vostre basse colline e dalle mansarde,

fuori dalle vostre tende e dai vostri palazzi.

Gli alberi stanno ancora cadendo

E non andremo più nei boschi.

Non è il momento ora di sedersi tra loro

quando l’uomo incendia la propria brace

per arrostire la fiorentina.

Non si canta più Bella Ciao mentre Palazzo Vecchio brucia.

Firenze sta bruciando

La Milano digitale sta bruciando

I combustibili fossili della vita.

La notte & il cavallo si avvicinano

Mangiando luce, calore & forza

E le nuvole hanno i calzoni.

Non è il momento ora di nascondersi per l’attivista

Sopra, oltre, dietro le piazze,

indifferente, tagliandosi le unghie,

purificandosi fuori dall’esistenza.

Non è il momento ora per i nostri piccoli giochi digitali da web infantile

Non è il momento ora per le nostre paranoie & ipocondrie,

non è il momento ora per la paura & il disgusto,

è il momento solo per la luce e per l’amore.

Abbiamo visto le migliori menti della nostra generazione

Distrutte dalla noia alle inaugurazioni farlocche.

La politica non è una società segreta,

né un tempio.

Le parole & i canti segreti non servono più.

L’ora di emettere l’OM è passata,

viene l’ora di cantare un lamento funebre,

un momento per cantare un lamento funebre & per gioire

sulla fine in arrivo

della civiltà industriale

che è nociva per la terra & per l’Uomo.

Il momento ora di esporsi

nella completa posizione del loto

con gli occhi bene aperti,

il momento ora di aprire le nostre bocche

in un nuovo discorso aperto,

il momento ora di comunicare con tutti gli esseri coscienti,

tutti voi, “abitanti della Terra e delle città”

appesi nei musei della democrazia, includendo me stesso,

tutti voi sognatori senza fatti che scrivete del sogno sul sogno

tutti voi sognatori di sogni da utopia

nel cuore intrecciato dell’Europa

tutti voi addomesticati intellettuali  tutti voi ricercatori pazzi, sballati, malconci,

tutti voi sognatori della Terza Rivoluzione industriale,

tutti voi sognatori cunnilingui,

tutti voi sognatori da gabinetto a pagamento che vi lamentate con i post su facebook,

tutti voi ritmatori da autostrada che non ritornate mai sui castagni,

tutti voi padroni delle segherie dell’Abetone nelle montagne appenniniche,

tutti voi non realisti senza occhi,

tutti voi supersurrealisti autonascosti,

tutti voi visionari da camera da letto,

ed agitatori da gabinetto,

tutti voi politici alla GrouchoMarxista e Compagni di ozio di classe

che restano inattivi tutto il giorno

e che parlano del lavoro di classe del proletariato,

tutti voi anarchici Cattolici,

tutti voi Provinciali Montanari del Mugello,

tutti voi ultras della Fiesole e bucolici delle Cascine,

tutti voi baby.sitters della politica,

tutti voi fratelli zen della democrazia diretta,

tutti voi amanti suicidi della partecipazione,

tutti voi capelluti professori della leadersless,

tutti voi critici di sondaggi elettorali

che bevete il sangue degli attivisti,

tutti voi Poliziotti della integrità-

Dove sono i figli di Tiziano Terzani,

dov’è la grande voce che parla ad alta voce

con un senso di dolcezza & sublimità,

dov’è la nuova grande visione,

la grande visione del mondo,

l’alta canzone profetica

dell’immensa terra

e tutto ciò che canta in essa

e il nostro rapporto con essa-

Sognatori, scendete

Nelle strade del mondo ancora una volta

E aprite le menti & gli occhi

Con la vecchia delizia visuale,

schiarite la gola e parlate più forte,

il sogno è morto, lunga vita al sogno

con occhi terribili e forza di buttero.

Non aspettate la rivoluzione

o succederà senza di voi.

Smettete di mormorare e parlate ad alta voce

con una nuova poesia guidata

con una nuova comune-sensuale “comprensione-pubblica”

con altri livelli soggettivi

con altri livelli sovversivi,

un diapason nell’orecchio interno

per colpire sotto la superficie.

Del vostro dolce sogno che ancora cantate

Ancora esprimete “la parola alla base”-

Sogno il veicolo comune

per il trasporto pubblico

verso luoghi più alti

di altre ruote che possono portarla.

Sogno che ancora cade dai cieli

dentro le nostre strade ancora aperte.

Loro non hanno ancora alzato barricate,

le strade animate ancora con visi,

uomini &donne attraenti camminano ancora qui,

dovunque ancora attraenti creature,

negli occhi di tutti il segreto di tutti

qui ancora sepolto,

i selvaggi figli di Tiziano Terzani qui ancora dormono,

si svegliano e camminano nell’aria aperta.

 

citando Lawrence Ferlinghetti, con amore.

Berlinguer: sciacquiamoci le menti.

In Politica on 24 maggio 2014 at 9:40 am

Purtroppo ormai siamo figli della società dei titoli strillati, degli slogan, dell’immagine e apparenza fugace. Berlinguer e’ poco conosciuto, anche io lo confesso,non lo conosco così bene come lo descrive il testo che ha citato Cristiano:
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10203663299850254&substory_index=0&id=1449636759
Purtroppo e’ ricordato e utilizzato principalmente per quel suo approccio coraggioso, quella frase sulla questione morale.
C’è una spasmodica ricerca di etichettare ogni cosa, determinare recinti, appartenenze, nel tentativo di gestire e controllare, per cui molte forze politiche, molti media, cercano di assegnare un etichetta ad uno slogan, titolo o immagine. Se poi riduciamo una persona a rappresentare uno slogan, un titolo o un immagine ancora peggio, la persona viene chiusa in un recinto, ridotta ad uno slogan.
Ma dov’è la libertà in tutto ciò?
La questione morale non è e non deve essere un titolo, uno slogan o un immagine, ma un valore; e deve esserlo per tutti, indistintamente dal recinto in cui vuoi inserirti perché vi è un unico recinto, da cui non sei diviso dagli altri, che è il far parte di una solo grande comunità: l’umanità.

Ps: Sulla questione Berlinguer-Grillo.
Per come ho compreso e contestualizzato il richiamo di Berlinguer nel comizio di Grillo, era un sottolineare che nei fatti, gli unici che su tutti a porre la questione morale ed a dimostrarla con l’esempio, sono stati i parlamentari del movimento 5 stelle, con le restituzioni dei rimborsi, con la rinuncia a stipendi e compensi extra, vitalizi, privilegi, auto blu, scorte, lussuosita’,frequentazioni dubbie, integrità legale dei suoi candidati, e potrei continuare per pagine intere.
Non ho sentito dire che Berlinguer e’ un idolo dei 5 stelle, che ne faccia parte integrale dei valori fondanti, che sia rappresentato o rappresentativo solo dei 5 stelle.
Ho sentito invece: “se Berlinguer fosse qui, oggi, sarebbe più vicino a noi che al Pd!”
E dopo tangentopoli e due decenni di arresti continuati di candidati, consiglieri, amministratori del Pd, come degli altri partiti, credo proprio anche io che Berlinguer, se fosse in politica oggi, sarebbe felice che qualcuno avesse posto la questione morale come valore fondante universale ed al centro del suo progetto politico.
L’onesta’ andrà di moda.

Camorra infiltrata in Toscana con ramificazioni dentro il parlamento

In Politica on 17 maggio 2014 at 8:40 am

Sempre più forti le ramificazioni in Toscana, grosso smercio con rifiuti, droga, riciclaggio. Stamani leggevo il commento di Roberto Saviano all’arresto di due poliziotti che lavoravano dentro il parlamento.

Ed allora ripensavo agli intrecci che la criminalità può costruire, i modi semplici con cui può comprare l’ambizione umana di chi fa politica, la banalità con cui raggira l’ingenuità dei nostri amministratori, l’economicita’ del basso prezzo che questi pongono per farsi comprare, l’indifferenza e sottovalutazione con cui molti ormai amministrano la cosa pubblica.

Ricordo ancora le parole in “commissione pace e diritti umani” del comune di Firenze, della consigliera pd Susanna Agostini che alla richiesta di cittadinanza onoraria per Pino Masciari che presentavo a nome del meetup fiorentino del m5s, disse, accettiamo volentieri di dare un contributo a questo testimone , d’altronde dobbiamo dare un segnale forte alla criminalità e noi sappiamo purtroppo che sono tante le attività che nella nostra città sono costrette a pagare il pizzo.

Parole che ci lasciarono stupefatti: loro sanno che la criminalità e’ già presente e forte in toscana.

Forse e’ stata una delle poche volte che io ho sentito a Firenze parlare un politico di mafia, camorra, pizzo &co, perché nella loro amministrazione sono sempre mancate azioni incisive di contrasto e controllo.

Cosa e’ stato mai fatto dai nostri politici per limitare il dilagare della criminalità?
Cosa e’ stato fatto dalla consigliera pd per indagare, denunciare e contrastare il pizzo a Firenze ?

Era il 2008, Renzi era già presidente della Provincia, ma la consigliera e’ rimasta sempre nel palazzo, il pd sempre al governo.
Anzi ricordo che Renzi giovane aitante del Pd apri’ la sua campagna elettorale pochi anni prima insieme a Ciriaco De Mita che venne appositamente a Firenze, anzi a Rignano sull’Arno, visto che Renzi non è fiorentino. Era il messaggio giusto, a quanto pare, per chi voleva capire.

E cosa ha fatto Renzi per contrastare la criminalità?

Invece di contrastare loro inseriscono i mafiosi nelle liste del partito!
Noi non dovevamo neanche assistere ad una votazione parlamentare per l’espulsione di Genovese, quello non doveva stare nelle liste del partito, ne essere eletto, ma di più: doveva essere il segretario del partito a sospenderlo ed a chiedergli di dimettersi !!
Renzi sei un quaquaraqua’!!
Tutto chiacchiere e distintivo come il tuo vassallo Nardella!!

Loro ormai sono tutti ricattabili.

Meditate e votate con coscienza , ma soprattutto imparate tutti ad essere presenti nelle istituzioni, dobbiamo essere cittadini vigili.

Il 24/25 maggio sapete cosa fare.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10152146493831864&substory_index=0&id=17858286863

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.869 follower