L’anti-cultura renziana sulle rive dell’Arno.

Come se ce ne fosse bisogno, l’amministrazione comunale fiorentina, quella del sindaco Nardella, fido scudiere di Renzi, ha voluto esplicitare i propri grandi limiti culturali.

Dopo la debacle del Lungarno Torrigiani, dove la manutenzione e prevenzione, oltre che la mancanza di controllo dei rischi sulla sicurezza, ha portato la città a vivere momenti difficili e sopratutto a far parlare negativamente la città in tutto il mondo, dopo tutto ciò quindi ci aspetteremmo prese di posizione ed azioni efficaci e adatte alla situazione.

Invece chi è al potere e che quel potere lo ha da alcuni anni ormai e lo ha ottenuto giocando sulla promessa di rivoluzionare tutto, oggi impernia la sua azione su atti ridicoli.

Il raffronto tra queste volgari banalità e i bei progetti, le belle idee di un tempo che fu, la dice lunga della nostra progressiva e costante involuzione.

Schermata 2016-06-09 alle 15.11.24

Lungarno Serristori (di fronte alla biblioteca nazionale)

Pochi giorni fa, mentre camminavo sui lungarni, notavo il taglio dell’erba irregolare, con forme e strisce strane. Non erano casuali, perché vi erano i picchetti che segnalavano tali strisce e le macchine operatrici del consorzio di bonifica le rispettavano fedelmente.

Pensavo ad un installazione o preparazione per qualche evento sul fiume, visto che già era in montaggio la spiaggia di firenze e le isole dell’installazione di un azienda di moda per PittiUomo.

Dopo avere letto però il comunicato stampa dell’assessore Bettini, mi sento offeso ed umiliato come fiorentino, mi sono vergognato di essere amministrato da così tanta pochezza.

Ecco un estratto :
“al Consorzio quest’anno è stato chiesto di tagliare l’erba “a strisce”. Non si tratta di un lavoro fatto male o “tirato via”, come potrebbe pensare un distratto osservatore fiorentino, bensì di un vero e proprio progetto artistico.
La riva sinistra del fiume sotto il Lungarno Serristori, un territorio di margine in pieno centro storico di Firenze, diventa luogo di incontro tra biodiversità e cultura grazie a un progetto di riqualificazione urbana. È così che nasce il lavoro di Studio ++ il cui obiettivo è dare risalto alla ricchezza biologica, alla diversità e al potenziale di un’area perché diventi spazio di vita quotidiana e patrimonio di tutti attraverso un intervento di public art attento agli aspetti di conservazione naturale e di biodiversità…”

Qui il link per l’articolo completo: http://press.comune.fi.it/hcm/hcm5353-10_1_1-Manutenzioni+degli+argini+dell%92Arno%3A+motorizzate%2C+.html?cm_id_details=79449&id_padre=4472

Ps: questo articolo era rimasto nelle bozze da pubblicare, lo pubblico adesso ma è sempre attuale e utile.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura, Politica, quotidianità e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...