Noi cittadini continuiamo a suonare il violino sul pianeta che sprofonda. Firenze, è l’ora della sveglia!

La temperatura del pianeta sale vorticosamente, gli anni siccitosi come non mai, gli ormai comuni monsoni al posto delle pioggerelle e gli uomini che continuano a suonare il violino sulla Terra che sprofonda.

Ma la madre-terra resta impassibile di fronte alla distruzione e alla morte, anzi onnivora consumatrice del “concime” di cui sono fatte le tombe. Per dirla con Whitman.

Ed allora adesso abbiamo l’occasione di dimostrare e decidere se siamo umani o animali.

Come ben spiegava Bauman, noi umani siamo diversi dalle altre specie viventi perché possiamo fare progetti.

I progetti sono per il futuro, per un futuro migliore.

Non per progettare cimiteri come stiamo facendo adesso!

Noi piccoli esseri umani, nelle nostre battaglie e contrapposizioni quotidiane, ci concentriamo sul passo che stiamo per compiere e non sul traguardo che vogliamo raggiungere.

Faziosi, saccenti, individualisti, presuntuosi, egoisti, ipocriti, ma pur sempre cadaveri che camminano.

Dieci anni fa nasceva il Movimento 5 stelle, per come lo conosciamo oggi, ma non ha più molto a che fare oggi con quello che era prima. La capacità innovativa di saper mettere in relazione cittadini variegati, in maniera trasversale uniti nell’obiettivo di migliorare la nostra società, nel voler superare l’immobilismo politico, nel voler ridare slancio e speranza a questo paese, non la vedo più.

Nei primi anni dal 2005 al 2009, avevamo gettato le basi per cambiare tanto, ma appena entrati nei palazzi, piano piano, il cambiamento da rivoluzionario è diventato moderato, cauto, modesto.

È l’ora della sveglia!

Quando partimmo non avevamo gli smartphone, le chat, i social network, ma avevamo molta più libertà creativa nel progettare la nostra rivoluzione.

Oggi quei pochi attivisti sono chiusi in torri elitarie dentro le chat e questo non permette certo di aprirsi alle contaminazioni ed ai segnali che la società manda. Certo serve riorganizzare il metodo con cui dentro i singoli meetup e dentro le comunità locali di attivisti, si svolge l’attività politica, perché per adesso è un gran caos.

Presto tornerò sul tema. Aspetto vostri commenti. Tj

 

Questa voce è stata pubblicata in quotidianità. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...